Trasmissione Telematica dei Corrispettivi – Regime e obblighi 2019

da | Apr 30, 2019 | Commerciale, Fiscale

Trasmissione Telematica dei Corrispettivi – Regime e obblighi 2019

da | Apr 30, 2019 | Commerciale, Fiscale

Nelle risposte ad interpello n. 9/2019 e n. 14/2019 l’Agenzia delle Entrate ha ribadito l’interpretazione dell’articolo 2 D.Lgs 127/2015, commi 1 e 2, secondo la quale durante il 2019 la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi da parte dei commercianti al minuto e dei soggetti ad essi equiparati deve (o può) essere effettuata in tre circostanze:
– la prima è relativa al caso in cui il soggetto interessato abbia volontariamente deciso di aderire alla novella procedura telematica di trasmissione, previo però esercizio della relativa opzione che scadeva il 31 dicembre 2018;
– il secondo caso contempla invece l’obbligo di adottare la procedura telematica a partire dall’1 luglio 2019 per i soggetti che abbiano un volume d’affari superiore a 400.000 euro;
– la terza circostanza, infine, è quella relativa a soggetti passivi che effettuino cessione di beni o prestazione di servizi tramite distributori automatici, nel qual caso la trasmissione è obbligatoria già da inizio 2019.

Per avere una prassi applicativa uniforme bisognerà attendere quindi il primo gennaio 2020, a partire dal quale la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi da parte di tutti i commercianti al minuto e dei soggetti ad essi equiparati sarà definitivamente obbligatoria, come stabilito dall’articolo 22 D.P.R. 633/1972.

Dal punto di vista sostanziale, la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica sostituiscono in toto il rilascio dello scontrino o della ricevuta come certificazione fiscale (articolo 2 D.Lgs. 127/2015, comma 5), ferma la possibilità del cliente di richiedere il rilascio della fattura.

Sempre l’articolo 2 D.Lgs. 127/2015, comma 1, annuncia la previsione di specifici casi di esonero dagli obblighi appena descritti a seconda della tipologia di attività esercitata, con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze.
Tali casi eccezionali verranno individuati dal Ministero competente in concerto con le associazioni di categoria, come annunciato con la consultazione pubblica avviata lo scorso 12 aprile.

Categorie

contattaci senza impegno

Richiedi un preventivo o prenota un incontro

Sede di Limena

via delle Industrie 1/A, 35010 - Limena PD
LUN - VEN 8:30/12:30 14:30/18:30
Tel. 049 768155 – Fax 049 9816400
info@valentinieassociati.it

Sede di Este

via degli Artigiani 4, 35010 - 35042 Este PD
Fax 0429 56624

Consenso